Officina narrativa

Oro

oro-immagine

ALESSANDRA NOBILE C’è un’immagine di fronte a me che è un luogo. Ḕ profondo, infinito e costituto da un solo colore: l’oro. Al suo interno non ci sono mai stati abitanti perché esso è pesante, come il metallo suo omonimo.…

Dal diario di una lavapiatti

Kitchen-Hand

SILVIA PIO Mi sono fatta assumere perché volevo stare vicino a lui, ascoltarlo vorticare veloce solo a dieci passi di distanza. Ho barato sui miei studi per accaparrarmi il lavoro, l’unico disponibile nella sua cucina. Mi sto facendo bollire le…

Le mie tette ed io

boobs

FADWA AL QASEM Semplicemente non mi fanno sentire me stessa. E per questo, sono sempre sola; loro sempre con me. Se provo a dimenticarle, ad essere ignara della loro presenza, fallisco. Il movimento più banale porta a contorsione, scuotimento e…

Al vento

111

JK Sebbene l’inverno non fosse ancora terminato, la giornata brillava di una luce trasparente e fresca come quella di certi mattinali primaverili di cui godevo quand’ero ragazzo; per cui decisi a metà pomeriggio – visto che potevo – di togliermi…

Dal diario di una trentenne

25-novembre

GABRIELLA MONGARDI. Avevo undici anni quando sono stata “molestata”. I miei genitori, allora, non avevano dato peso alla cosa, forse per proteggermi. E poi, l’understatement è la cifra della nostra famiglia. Minimizzare, non drammatizzare sono le nostre parole d’ordine. Solo…