Tag Archive for Silvia Pio

Il tiglio di Benevello, e altre vecchie poesie

Chasmanthium latifolium...

SILVIA PIO LA CICALA DI BENEVELLO Cicala sul pruno che canti da sola le tue sorelle d’Oriente assordavan le ore dell’azzurra calura. Nel mezzo del giorno chi viaggia fa sosta sotto polvere d’ombra dell’acacia spinosa, e dall’infuso speziato scaccia folle…

Wendell Berry: la natura come misura e poesia

Foto di Guy Mendes (Creative Commons da flickr)

ATTILIO IANNIELLO & SILVIA PIO Su The New York Times del 25 settembre 1977 Donald Hall definisce Wendell Berry «a prophet of our healing, a utopian poet» (un profeta della nostra guarigione, poeta un utopistico) paragonandolo in seguito a William…

Juvenile Magnolia

juvenile-magnolia

STEPHEN WILSON Tutto l’anno ho aspettato sulla promessa di un bozzolo verde pallido che cresceva in modo quasi impercettibile con tepali incapaci di liberarsi eppure sempre in punto di scoppiare come se qualcosa dentro quasi non riuscisse a incoraggiarli, non…

Nuvole

bruna-bonino-nuvole

EVA MAIO & SILVIA PIO Le nuvole di Eva Maio Il fascino delle cose impalpabili è che s’insinuano e ci parlano della delizia delle palpabili. Ci immergono in una sorta di paziente ribellione e ci fanno sentire nelle ossa l’intreccio…

Tutti i colori della vita nella poesia delle stagioni

Banner

SILVIA PIO Le stagioni scandiscono i nostri anni con paesaggi e suggestioni, che si ripetono e rinnovano: un sole d’aprile che rinsalda speranze, una novella stagione che sboccia come primavera vittoriosa, nubi che fioriscono come rose, ed infine l’ebbrezza della…

Finnegan si sveglia

Bruna Bonino-finnegan

RICHARD BERENGARTEN Per Alastair Reid Finnegan si sveglia e cammina, salmastra è l’aria. Gabbiani aleggiano e sule si tuffano. La scogliera è solitaria. Sgombra la costa, e nessuna presenza è necessaria. Aveva sognato che in un brandello di sogno in…

Perché salgo sugli alberi

ceaiti-ni-bheildiuin-cathi-weldon

CEAITÍ NÍ BHEILDIÚIN [CATHI WELDON] Perché salgo sugli alberi Nel mio zaino, una canadese, ai piedi, gli scarponi ben allacciati, mi arrampico su un albero a penzolare senza pensieri. Salgo a staccare una mela, a misurare il circondario, est, ovest…