Tag Archive for Bruna Bonino

Ad incantarmi sono gli asini

asino-per-eva-maio

EVA MAIO “L’asino rivendica sempre una sua alterità, che però è estremamente aperta e – se mi passate il termine – compassionevole. Lui sembra sapere qualcosa che noi ci affanniamo a cercare di capire.” Davide Ferrario Doppio zero 6 marzo…

Il semaforo e l’aereo

girasoli-per-bennardoevid

FRANCESCO BENNARDO Venerdì pomeriggio, caldo impietoso, un semaforo impalato sul rosso e io che sono senza fiato. Immagini distorte, proiezione d’una dimensione irreale, mentre il corpo sembra fuori controllo, ingestibile come un aereo privo di pilota. Dove sono? Cosa mi…

Il mio giorno

il-mio-giorno-inverno-bonino

FRANCESCO BENNARDO Il mio giorno è un’ora, la mia ora è un minuto, il mio minuto è un secondo! Cosi passa il tempo; il tempo è solo un battere di ciglia che al risveglio è già passato. Giorno dopo giorno,…

Le musicassette di una volta

Bruna Bonino per Bennardo

FRANCESCO BENNARDO Sei proprio come una di quelle polverose musicassette di una volta, quelle che restavano nel mangianastri per giorni. I giovani d’oggi, purtroppo, non potranno più rivivere quelle emozioni che permettevano alla cassetta di sopravvivere così a lungo tra…

Buon viaggio, signora!

buon-viaggio-b-bonino

FRANCESCO BENNARDO Fa buio, fuori. Elegante e sereno, il vento gioca tra le strade; lo sento fluttuare nel Tanaro e correre tra l’erbetta del parco per poi raggiungere il centro abitato e sfrecciare tra le opulente vetrine illuminate di via…

Il sapore dell’amore

sapore-amore-bonino

FRANCESCO BENNARDO “Stai morendo, vero?” singhiozzò il bambino davanti all’anziana signora distesa su un letto d’ospedale dalle rassicuranti lenzuola biancazzurre. La stanza, riverniciata da un bianco talmente candido da apparire irreale, era impregnata dall’asettico odore di disinfettante così penetrante da…

Due poesie inedite di Quincy Baltimore

ciau

QUINCY BALTIMORE La suora La suora ha movimenti stenti usa la scopa per pulire gli angoli della sua strada. La suora non rimanda niente traccia le setole come occhi guarda a terra perché il cielo pensa a lei. La suora…