Tag Archive for montagna

Un uomo, una donna, una montagna

montagne-immaginarie-cover

GABRIELLA MONGARDI Non si deve imparare a scrivere ma a vedere. Scrivere è una conseguenza. (Antoine de Saint-Exupéry) La prima cosa che colpisce dell’ultimo romanzo di Silvano Gregoli, Montagne immaginarie. Leggenda cosmica (BBEuropa edizioni 2021) è lo Sguardo, la forza…

Una gita di sci-alpinismo

Tracce

GABRIELLA MONGARDI Partiamo, lasciando dietro di noi il freddo e l’ombra del fondovalle. Saliamo tra pendii brulli, spogli di neve; gli sci sullo zaino mi pesano: ce la farò? Gli occhi, chini a contare i passi, scoprono fiori e arbusti…

Montagne immaginarie

montagne-immaginarie-cover

SILVANO GREGOLI In vetta si era alzato il vento. Veniva su dal versante ovest, a folate, e faceva vibrare i cavi che sostenevano la croce metallica. Fausto Majorana si strofinò gli occhi per mandar via le lacrime e si aggiustò…

Barba Nadìn: 4 sonetti per 4 rifugi

Barba Nadìn ritratto da A.Colombatto

GABRIELLA MONGARDI. Bernardino Mongardi (Mondovì 1881-1964), “Barba Nadìn [1]”,tintore in Mondovì Borgato, appassionato di montagna e presidente del CAI Mondovì dal 1931 al 1934, per amore della montagna è stato anche un poeta, in italiano e in piemontese (sua madrelingua). Le…

Prometeo

prometeus

FRANZ KAFKA. Su Prometeo circolano quattro leggende: secondo la prima, al Caucaso fu incatenato poiché aveva tradito gli dèi a favore degli uomini, e gli dèi mandarono delle aquile che si nutrivano del suo fegato, sempre ricrescente. Secondo la seconda,…

Visioni lunari

Arnaldo Colombatto, Pian Balaur (particolare)

SILVANO GREGOLI   Anni ’60,  zona del Pian della Tura. Mondovì, sabato pomeriggio, Piazza Adua. È maggio, è scoppiata la primavera ma le montagne sono ancora bianche. Noi del rifugio siamo pronti ai piedi delle lambrette. Siamo una dozzina, c’è…

Il canto della fontana

evidenza

ATTILIO IANNIELLO Quando ho aperto la prima pagina del romanzo breve di Marzia Verona  “Il canto della fontana” sono rimasto piacevolmente colpito dall’incipit: «Gli occhi non mi facevano più male, da quando avevano ripreso a guardare lontano». La frase era…