Tag Archive for Dina Tortoroli

22. La Bastiglia. Commedia

12-5-tortoroli-frontespizio-della-commedia

DINA TORTOROLI «La Bastiglia / Colorno 14 Maggio 1779 / Letta. Rezzonico» (A Colorno, località a nord di Parma, distante diciotto chilometri dalla città, sorge il Palazzo Ducale, in cui il duca Ferdinando era nato e preferiva risiedere). «La Bastiglia…

21. Un celebre Concorso di Poesia Teatrale

18-4-programma-offerto-alle-muse-italiane

DINA TORTOROLI Lo “scolaro del Parini” e “patriota cisalpino” Francesco Reina, “conservò” il frammento sulla Colonna Infame, perché aveva deciso di raccogliere e pubblicare anche gli scritti inediti del grande poeta (morto nel 1799), come atto di stima e riconoscenza;…

19. Documentazione processuale

tortoroli-scansione-12

DINA TORTOROLI Nel 1776 i Decurioni di Como erano 37, venivano convocati almeno una volta al mese e “si occupavano di ciò che attualmente chiameremmo amministrazione comunale”. Se avessi potuto – come avrei voluto – passare in rassegna tutti i…

18. Il Decurionato

Como Uff. Decurioni 1776

DINA TORTOROLI Alla trascinante effusione di “prove” suggerite dai miei affetti, sarà bene che io opponga il freno della “prova provata” (Folco Portinari). In effetti, la mia indagine – destinata a vanificare l’indegno tentativo del Manzoni di cancellare ogni traccia…

17. Istanza di verificazione

Manzoni, 1805

DINA TORTOROLI «Il Manzoni si fece ritrattare a 21 anni a Parigi, coi capelli scarmigliati, gli occhi volti al cielo. “In quel tempo, – diceva egli sorridendo –, era nell’età nella quale quando si fa fare il ritratto, si prende…

I due sacripanti

Enrichetta Blondel e Alessandro Manzoni

DINA TORTOROLI L’esperimento di “chimica fisiologica”, tentato a Parigi, non andò a buon fine. La pubblicazione dei Versi in morte di Carlo Imbonati non produsse la desiderata “reazione”: la “trasformazione” dell’atteggiamento degli Idéologues nei confronti di Alessandro Manzoni Beccaria. L’“universo”…

15. Un prima e un poi

Alessandro Manzoni

DINA TORTOROLI Alberto Chiari, uno studioso del Manzoni particolarmente attento e schietto, dichiara: «Il Manzoni non è stato sempre così chiuso come lo si proclama; c’è stato invece per lui, chiaro e inequivocabile, un “prima” e un “poi”. Egli è…