Tag Archive for Claudio Zanini

L’identico differente – Yama no Shashin

03-linda-fregni-nagler-evid

CLAUDIO ZANINI Linda Fregni Nagler è una giovane artista italiana che si occupa di fotografia e lavora sul modello del ready made; vale a dire, non crea un’opera ma interviene su un’opera già costituita; la elabora cambiandone il significato o…

Carrozza n° 7

9788882483906_low

Esce per le edizioni Bietti il romanzo di Claudio Zanini, Carrozza n° 7. Durante una sanguinosa guerra civile, il professore Zeit, cultore di Machiavelli, riceve un misterioso incarico e svela il drammatico intreccio di politica e potere del quale lui,…

Ansiose Geometrie

p1110634-evid

CLAUDIO ZANINI 1 Declina il lato lungo del rettangolo nell’ombra. Quello breve, nella luce sgombra, s’assottiglia e svanisce, soltanto inscritto nel pensiero d’un illusorio compimento immaginato. 4 Ci s’illude riguardando vasti spazi che lungo sicure rotte si proceda, mentre irride…

Persistenze, cinque artisti in mostra

evid

SILVIA PIO (a cura) Persistenze 1983/2018. Tra figurazione e astrazione è una mostra di cinque artisti milanesi che rappresentano un unicum nel panorama italiano, attivi dalla fine degli anni ‘70 e con alle spalle un lungo iter espositivo in Italia…

NAUFRAGHI

profondita-evid

CLAUDIO ZANINI Phlebas I Dissimulano oscuri flutti e ampie maree, disperse le membra di Phlebas(1) il fenicio, capostipite dei morti d’acqua innumerevoli negli equorei cimiteri del Mediterraneo. Oh, marinaio avvolto nel torpore profondo di bruna pelle d’annegato, levigata appena dal…

L’attitudine del nero

29 - 2004  cm. 90x65

CLAUDIO ZANINI 1) Il nero è avido, pare indifferente mentre aspira, succhiando luce; la inghiotte nell’inabissarsi nel sé più oscuro della notte. Freme la luce nelle strette feritoie, si scrolla, vorrebbe svincolarsi ma, sontuoso, il nero l’avvolge. Il bianco è…

L’albero di viale Argonne

albero-cm-41x30-tempera-su-carta-2005-evid

CLAUDIO ZANINI Esultavano le fronde al sole, stormire verdeggiante, nel vespertino tremore, e tutto fremeva l’albero grande, dalle radici nel grembo materno d’ombra terrestre feconda alle cuspidi in alto leggere. Non canta più l’albero immenso di viale Argonne, ora reciso…