Sotto un cielo stellato. Ricordando Sacco e Vanzetti

sacco-e-vanzetti-1

La drammatica vicenda di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, uccisi innocenti sulla sedia elettrica il 23 agosto 1927 a Boston, per la sola colpa di essere immigrati, italiani e anarchici, verrà rievocata domani sera alle 21 al teatro Frassati a Villafalletto (CN) tramite la figura di Luigina Vanzetti (interpretata da Noemi Garbo), la sorella di Bartolomeo, che sbarcò in America qualche giorno prima della morte dei due anarchici e ritornò in Italia con le loro ceneri nell’ottobre 1927.

Il monologo – della durata di 80 minuti – viene accompagnato da musiche originali, immagini e video di Paolo Mosele, che scorrono sullo schermo e rappresentano visivamente l’avvenimento narrato.

La narrazione teatrale parte da Torremaggiore (Puglia) e Villafalletto (Piemonte), per approdare oltre l’Atlantico, dove i due Italiani immigrati iniziano un impegno politico di lotta a difesa dei diritti dei lavoratori, fino a subire le conseguenze politiche e giudiziarie in uno degli stati più conservatori degli Stati Uniti, il Massachusetts, dove la giustizia fu piegata ai pregiudizi politici e razziali.

Tuttavia, ricordare Nick e Bart non significa fermarsi a un commovente ricordo storico, ma impone di leggere la loro storia guardando al nostro presente, sapendo che oggi più che mai il pregiudizio, l’intolleranza e il razzismo verso il “diverso” si stanno diffondendo nella società italiana e non solo. Non bisogna dimenticare le vicende dei migranti di oggi con i loro viaggi colmi di paura e speranze, quelle speranze di un mondo migliore, più giusto, dove la dignità di ogni donna e uomo siano rispettati e non offesi e vilipesi. Per questi ideali Sacco e Vanzetti sono vissuti e morti.

La rappresentazione teatrale è liberamente tratta da Lorenzo Tibaldo, Sotto un cielo stellato. Vita e morte di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, Claudiana editrice.

***

Un vero caleidoscopio d’incantevoli suoni ed emozioni: solo così è possibile descrivere la voce di Noemi Garbo, la “Cantattrice”: Attrice, Cantante e Doppiatrice.

Si laurea a pieni voti all’Università di Torino in DAMS Indirizzo Teatrale. Negli stessi anni di formazione universitaria, studia canto seguita dal Maestro Frank Polacchi. Parallelamente studia recitazione e doppiaggio presso l’accademia professionale ODS, Operatori Doppiaggio Spettacolo di Torino. Durante lo stesso periodo, Noemi integra la sua formazione con laboratori, stage, concorsi e spettacoli in ambito canoro e teatrale. Lavora nel corso di dodici anni presso diverse compagnie nei ruoli di cantante e attrice: queste esperienze le permettono di sviluppare la personale percezione delle varie discipline artistiche come complementari e inscindibili l’una dall’altra. La passione per la musica e lo spettacolo la conducono a una continua e insaziabile ricerca di miglioramento attraverso lo studio e il lavoro.

Oltre alla salda e prestigiosa collaborazione con Paolo Mosele e Lorenzo Tibaldo, a oggi lavora attivamente alle iniziative promosse e ideate dalle Associazioni: “Storie di Piazza”, “Teatro OZ”, “Amici della Lana”, coordinate dalla sua insegnante e regista Manuela Tamietti e collabora da circa quattro anni all’interno della “Compagnia BIT, Balletto Impronta Torino”, affermata compagnia di Musical torinese. Inoltre collabora come cantante professionista nel trio vocale al femminile Robin Gals, realizzato dalla Fondazione Gabriele Accomazzo per il Teatro e con la Blueshow in uno spettacolo da lei realizzato di cui è unica mattatrice: “MusicAll”. Il nuovo progetto “All shook up!”, dedicato alla musica italiana e internazionale anni ‘50 e ‘60, la vede come voce solista accompagnata al piano da Antonio Contarino.

Da anni Noemi collabora con studi di registrazione e agenzie di comunicazione per la produzione di jingle e spot radiofonici, lavora a progetti personali di interpretazione microfonica e spettacoli teatrali da lei stessa ideati.

***

Paolo Mosele ha studiato “organo e composizione organistica” presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino. All’attività di arrangiatore e componente del gruppo vocale e strumentale “Voci di Corridoio”, affianca quella di compositore di musica per teatro e immagini. Per Raitrade ha realizzato quattro cd per commento televisivo. Tra i lavori discografici più importanti, va segnalato: “Il Cinema di Lelio Luttazzi” ( 2012 Premio Speciale MEI Colonne Sonore) ideato e realizzato con Rossana Luttazzi; come arrangiatore ha prodotto con le Voci di Corridoio “Speciale per Lelio” (2015) con la partecipazione straordinaria di Jula de Palma e Lelio Luttazzi.

(a cura di Gabriella Mongardi)