Machiavelli Art

Santi_di_Tito
LORENZO BARBERIS

Niccolò Machiavelli (1469 – 1527) è forse il più noto autore del Rinascimento italiano, anche all’estero. Negli USA, assieme a Pirandello con “pirandellian”, è l’unico ad aver generato un aggettivo presente nei vocabolari, “machiavellic”. E lui non è in competizione con “kafkiano”. Inoltre, più autorevolmente ancora, la “maciavelica” è anche in piemontese un congegno ingannevole e raffinato, reale o concettuale poco importa.

Forse una parte di questo successo sta nella sua paradigmaticità: nasce quando Lorenzo il Magnifico sale al potere a Firenze, muore quando si compie il Sacco di Roma. La sua vicenda umana si sovrappone perfettamente all’Età dell’Oro per eccellenza.

2633763-PhillipsMACHIAVELLI300dpi

Del resto, il Principe non è un’opera letteraria, pur pregevole, ma un manuale d’istruzioni per creare il perfetto principe moderno, cinico e scaltro al punto giusto. Oppure, come voleva Gramsci, per apprezzare Machiavelli da sinistra, disvela i complotti dei potenti, e quindi, fingendo di suggerire loro come mantenere il potere, laicizza il popolo e rende difficile ai principi applicare i suoi principi.

Fatto sta che in USA è tuttora usato come guida ai manager (vedi sopra) e chiave per capire Trump:
http://thefederalist.com/2015/09/18/trump-needs-to-reread-his-machiavelli.
Da noi abbiamo recuperato dagli americani quant’era nostro, traducendo la guida e usando il Machiavelli per capire un politico che voleva far l’americano, ma era fiorentino come lui:
http://icebergfinanza.finanza.com/2016/12/07/la-disfatta-di-renzi-predetta-da-machiavelli/

Machiavelli_AF

Un merito ce l’ha forse anche la rappresentazione artistica. Il dipinto più noto, in cover, di Santi di Tito (1536 – 1603) è una efficace idealizzazione postuma, il cui sorriso enigmatico, falso e cortese come piace al vero piemontese, è più efficace di quello della Gioconda che (a meno di ascoltare Dan Brown) grandi complotti non li poteva ordire.

“Della persona fu ben proporzionato, di mezzana statura, di corporatura magro, eretto nel portamento con piglio ardito. I capelli ebbe neri, la carnagione bianca ma pendente all’ulivigno; piccolo il capo, il volto ossuto, la fronte alta. Gli occhi vividissimi e la bocca sottile, serrata, parevano sempre un poco ghignare. Di lui più ritratti ci rimangono, di buona fattura, ma soltanto Leonardo, col quale ebbe pur che fare ai suoi prosperi giorni, avrebbe potuto ritradurre in pensiero, col disegno e i colori, quel fine ambiguo sorriso » dice infatti il suo biografo Roberto Ridolfi, collegando efficacemente il massimo artista rinascimentale al massimo letterato.

Niccolo_Machiavelli_uffizi - Copia (2)
La scultura nella Galleria degli Uffizi, come si confà alla statuaria, ci presenta un Machiavelli più monumentale, più ponderato. Il gesto di sfregarsi il mento pensieroso rende però di nuovo tutto il subdolo del Segretario fiorentino per antonomasia.

Niccolo_Machiavelli_uffizi - Copia
Bello anche il simbolismo della colonna cinta di allori e coronata dalla Lupa, simbolo della Roma dei Cesari, che è stata sovrascritta dalle Chiavi di Pietro della Roma dei Papi. Su di loro sovrasta però il possente volume del Principe (simboleggiato dalla sottile corona principesca sul dorso, appunto), quasi presaga, risorgimentalmente, dell’arrivo della Roma dei Re, dei Savoia che compiranno il percorso che Machiavelli pensava dei Medici.

machiavelli-Zachary-Franzen3

Il diavolo è nei dettagli, insomma, e non a caso Zach Franzen, in epoca contemporanea, ha riletto Machiavelli come il diavolo: Ye Old Nick, “Il vecchio Nick(olò)”, nell’Inghilterra protestante, era un sinonimo cauto del Diavolo, proprio in riferimento a Machiavelli. Quel cinico rinascimentale, ateo nel cuore, cattolico per convenienza, che spiegava a Papi e Re come usare la religione ed altro come inganno del popolo.

Stefanoussi1894

Nel 1894, invece, Stefano Ussi immaginava una specie di Machiavelli cartografo, pensieroso come nella statua, ma meno sereno, tutto perso nel suo gigantesco risiko italiano, se non europeo, nel vano tentativo di trovare in qualche carta la quadratura del cerchio.

GG106
Faruffini ci mostra invece il Machiavelli consigliere di Cesare Borgia, in uno stile pittorico ormai di “macchia” che si sposa bene, e non solo per affinità fonologiche, ai confusi chiaroscuri dei complotti rinascimentali.

Machiavelli-1

Non so chi sia né il principe, né l’autore di quest’altro dipinto, quasi sicuramente sempre appartenente al Romanticismo Storico italiano, dove il Borgia (se è lui) è ascoltatore distratto delle cabale machiavelliche.
09

E “Il Machiavelli” è un mitologico sceneggiato TV meta-filmico all’interno della serie di Boris, segno di una oscura erudizione, un progetto inquietante e maledetto, che ha costato la carriera, se non la sanità mentale, a chi se ne è occupato.

X_marks_4
Anche nel videogame Machiavelli ha un suo ruolo di primo piano, soprattutto nella saga di Assassin’s Creed (2008) dove svolge un ruolo di primo piano al fianco del “principe” Ezio Auditore, ma già prima, in uno strategico degli anni ’90, il genere machiavellico per eccellenza, dove ha avuto intitolato una sua serie di giochi della MicroProse.

Machiavelli_The_Prince_cover

I miei allievi dell’ITIS informatico, in terza, chiedono sempre come raggiungere il 10. Bene, nell’ottica dell’informatizzazione della scuola, un modo potrebbe essere questo: scaricarsi Machiavelli, emularlo su un PC moderno, e raggiungere – documentandolo – il massimo dell’high score. Una prova provata dell’aver appreso i segreti del grande maestro di segreti del Rinascimento.