La pietra rotolante di Dylan

Immagine
SILVIA PIO (a cura)

Like A Rolling Stone Bob Dylan 1965

Una volta ti vestivi elegante
Buttavi del contante a un passante, non è così?
Diceva la gente “sei troppo appariscente, la caduta è imminente”
Pensavi che ti prendessero in giro
E avevi l’abitudine di ridere di chi
Ora ti allontana da quel dì
Adesso non ti comporti più così
La superbia non abita più qui
Da quando il tuo piatto è carente.

Come ci si sente?
Come ci si sente
A non contare niente
A non saper dove andare
Come una pietra rotolare

Sei andata nella migliore scuola, Signorina Solitudine
Ma lo sai che ti ubriacavi per abitudine
Nessuno ti ha insegnato come vivere nella strada
E non pensi che adesso accada
Dicevi che non ti saresti mai compromessa
Con il delinquente, non ti saresti mai concessa
Ed ora sei proprio mal messa
Fai affari con lui e ti senti oppressa
Quando lo guardi implorante.

Come ci si sente?
Come ci si sente
A non contare niente
A non saper dove andare
Come una pietra rotolare

Sempre noncurante dello sguardo sprezzante del pagliaccio galante
Lo guardavi arrogante mentre ti faceva divertire
Non hai mai capito quel ch’era giusto o sbagliato
Hai lasciato che qualcuno per te si facesse colpire
Giravi fiera su una berlina inglese
Con l’autista e un gatto siamese
e quando sono cadute le difese
hai capito che le luci non erano accese
e lui ti aveva ripulita completamente.

Come ci si sente?
Come ci si sente
a non contare niente
a non saper dove andare
come una pietra rotolare

Principessa sulle scene e tutta la gente perbene
che beve e deve badare a cosa conviene
che pensa solo ai regali e alle costose cene
ma tu non hai più assegni, porta l’anello ai pegni
Era tanto divertente
Napoleone indecente ed il suo linguaggio attraente
Ora ti chiama e non sfuggi facilmente
quando non hai niente, non puoi perdere un accidente
ora sei invisibile, non hai più segreti ovviamente.

Come ci si sente?
Come ci si sente
a non contare niente
a non saper dove andare
come una pietra rotolare

(Traduzione di Silvia Pio
Questa non è una traduzione letterale ma una riscrittura che cerca di rendere la sonorità della canzone cercando di mantenere un significato simile all’originale)

download

“Una pietra che rotola non prende muschio”. È un detto in inglese che si riferisce a qualcuno che è sempre in movimento e che cambia spesso lavoro. Una situazione che presenta il vantaggio di non avere responsabilità e preoccupazioni, però il rovescio della medaglia è il fatto di non avere un posto che si possa considerare ‘casa’ e di non poter mettere radici.

“Rolling Stone” è un’espressione slang che risale al blues e significa vagabondo, barbone.

muddywatersrollinstone

L’immagine è stata usata da molti. Muddy Waters (1913 – 1983, un musicista americano di blues spesso citato come il “padre moderno del Chicago blues”, il cui vero nome era McKinley Morganfield) ha registrato la sua Rollin’ Stone nel 1950; Jagger e Richards nel 1961 hanno chiamato il loro strafamoso gruppo ispirandosi a questa canzone. Bob Dylan ha registrato Like a Rolling Stone nel 1965.

RS191

Jann Wenner e Ralph J. Gleason fondarono la rivista rock son lo stesso nome nel 1967. Il brano Papa was a Rolling Stone dei The Temptations uscì nel 1972.

The_Temptations03

Wenner ha scritto nel primo numero della sua rivista:

«Probabilmente vi chiederete cosa stiamo cercando di fare. Difficile a dirlo: una specie di rivista e una specie di giornale. Il suo nome è Rolling Stone, che deriva dal vecchio detto “Una pietra che rotola non prende muschio”. Muddy Waters l’ha usato per una sua canzone e Like A Rolling Stone era il titolo della prima registrazione rock and roll di Bob Dylan. Abbiamo iniziato una nuova pubblicazione riflettendo su quali sono i cambiamenti che vediamo sulla scena del rock and roll. Dato che le riviste del settore sono diventate molto inaccurate e poco rilevanti, e visto che le riviste per i fan sono un anacronismo, disegnate con lo stampo del mito e del nonsense, speriamo di aver creato qualcosa per l’artista e per il settore, e per tutti coloro che credono nella magia che rende liberi. Rolling Stone non tratta solo di musica ma anche delle cose e degli atteggiamenti che la musica abbraccia. Abbiamo lavorato sodo e speriamo che voi siate dalla nostra parte. Descrivere la cosa più a fondo sarebbe difficile senza dare l’impressione di dire cagate, e le cagate sono come prendere muschio».

Altre info: Rolling Stone 1967 Magazine Archives | Rolling Stone

English