Poesia

Alberi che si causano alberi

p1110037evid

CLAUDIA AZZOLA Gli alberi Non bastano il libero gioco della lingua né l’atto di parola tirato all’estremo né tutti i riferimenti per dire gli strati di verdi crostosi petrosi liberi alberi di montagna, esposti a passaggi d’aria, al precipitato del…

Dove sono sbarcata

acquerelli-ridimevid

EVA MAIO Qui quasi tutto è inventato, quasi tutto possibile, quasi tutto verosimile. Di scorticante e tenero insieme il sommovimento interiore in me. Questo realissimo. Sulla parete in fondo quanta demenza quanta confusione. E qui in primo piano una sfilata…

Mentre sognavo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

MIMMO PUCCIARELLI Mentre sognavo Era l’una di notte del primo gennaio duemiladiciotto. Sognavo. Disteso su un prato verde sotto un cielo azzurro trafitto da raggi tiepidi di un sole appoggiato ad una collina ondeggiante, profumata innamorata dei canti e dalle…

Ho un male ai piedi…

rosa

JOHN I. CLARKE (Il boicottaggio dei bus a Montgomery nel 1955-‘56 iniziò dopo che Rosa Parks venne arrestata per aver rifiutato di lasciare il posto ad un passeggero bianco) Alcuni per cambiare il mondo fanno marciare gli eserciti per terra…

Il male e il bene nelle ultime poesie di Henry Ariemma

arimane_copertina_

Il male libera. Fa capire ogni bene e vede prossima gratitudine alle domande insignificanti dell’andare oltre: respinge alte le onde sulle stesse orme. Il tacere frutta solo bacche amare lavorate per dolci inganni. Altro parlare, propri egoismi… A non vedere…

Il punto incessante d’immaginazione in Eloisa Ticozzi

dsc_1240evid

Vorrei affondare ego e sentimenti in un caffè, calda coperta nell’ottobre scontento. Cosa sono gli affetti, se non brividi che percorrono la colonna dall’osso sacro all’occipite. La diversità è punto incessante d’immaginazione, confronto d’idee. Avrei voluto attraversare con l’anima esasperata…