La vetrina di Margutte

Prometeo

prometeus

FRANZ KAFKA. Su Prometeo circolano quattro leggende: secondo la prima, al Caucaso fu incatenato poiché aveva tradito gli dèi a favore degli uomini, e gli dèi mandarono delle aquile che si nutrivano del suo fegato, sempre ricrescente. Secondo la seconda,…

La luna e il pettirosso

pett

Proponiamo alcune poesie tratte dalla raccolta “La luna, il pettirosso di Benevello e altre poesie”, di Attilio Ianniello (con interventi di Silvia Pio), precedute da una prefazione di Giuliana Bagnasco. Con un tono stupefatto e leggero, nei versi di Ianniello…

Leopardi, Omero e la luna

giacomo leopardi

GABRIELLA MONGARDI. Questo studio su Leopardi prende le mosse dalla strepitosa osservazione di Pietro Citati nel suo recente saggio sul poeta recanatese, secondo cui è la similitudine omerica alla fine del libro VIII dell’Iliade, in cui i fuochi accesi dai…

Il tempo nella stanza segreta di Gabriella Mongardi

nella-stanza-segreta-copertina-x-margutte-evid

SILVIA PIO Vent’anni dopo La Tela di Penelope è uscita un’altra raccolta di Gabriella Mongardi, Nella stanza segreta, Edizioni Gli Spigolatori, Mondovì. Si legge nella Prefazione di Remigio Bertolino: «La raccolta, pur se allineata con la precedente, come ramificazione di uno stesso…

Visioni lunari

colombatto-x-visioni-lunari

SILVANO GREGOLI   Anni ’60,  zona del Pian della Tura. Mondovì, sabato pomeriggio, Piazza Adua. È maggio, è scoppiata la primavera ma le montagne sono ancora bianche. Noi del rifugio siamo pronti ai piedi delle lambrette. Siamo una dozzina, c’è…

Un altro 25 aprile

manifesto-25-aprile-unitario-per-web

Un’altra occasione per ripensare ad un passato neppure troppo lontano STEFANO CASARINO Settantuno anni dalla fine della seconda guerra mondiale: quante generazioni sono passate? Una volta, in tempi ormai lontani, il periodo che intercorreva tra la nascita di un genitore…

Dal diario di una femminista

Dipinto di Franco Blandino

EMILIA DEARGON Anche se mi chiamo Eva, non ho mai capito la storia della costola, che l’uomo si è inventato per consolarsi della sua impossibile maternità. Mi piace molto di più la faccenda della mela: almeno lì si riconoscono, come…